Liberté / Libertà di Paul Éluard

La poesia è importante nella vita emotiva e sentimentale degli adolescenti, soprattutto oggi che i rapporti ravvicinati sono condizionati dalle leggi contro il COVID. Leggere e sentire risuonare in sé una poesia, non è solo far entrare in noi delle parole, ma è vivere insieme al poeta delle emozioni e dei sentimenti che forse da soli non saremmo in grado né di riconoscere né di provare.

I poeti parlano attraverso le proprie poesie e non attraverso le loro  biografie. Però, in questo giorno del 25 Aprile vogliamo ricordare quanto il poeta Paul Éluard, malgrado la salute malferma, si sia impegnato in prima persona nella lotta di liberazione contro il nazifascismo. Ed è nel 1942 che, entrato in clandestinità, durante l’occupazione tedesca di Parigi ha scritto questa poesia, che venne poi lanciata in migliaia di copie dagli aerei alleati sulla Francia occupata.

Oggi ve la offriamo dalla voce stessa del Poeta, con la  traduzione perfetta di Franco Fortini.

Ascoltatela, leggetela e fatela ascoltare alle vostre figlie, e ai vostri figli e nipoti: Libertà.

“Paul Éluard: Liberté / Libertà”

LIBERTÀ – PAUL ÉLUARD

Su i quaderni di scolaro
Su i miei banchi e gli alberi
Su la sabbia su la neve
Scrivo il tuo nome

Su ogni pagina che ho letto
Su ogni pagina che è bianca
Sasso sangue carta o cenere
Scrivo il tuo nome

Su le immagini dorate
Su le armi dei guerrieri
Su la corona dei re
Scrivo il tuo nome

Su la giungla ed il deserto
Su i nidi su le ginestre
Su la eco dell’infanzia
Scrivo il tuo nome

Su i miracoli notturni
Sul pan bianco dei miei giorni
Le stagioni fidanzate
Scrivo il tuo nome

Su tutti i miei lembi d’azzurro
Su lo stagno sole sfatto
E sul lago luna viva
Scrivo il tuo nome

Su le piane e l’orizzonte
Su le ali degli uccelli
E il mulino delle ombre
Scrivo il tuo nome

Su ogni alito di aurora
Su le onde su le barche
Su la montagna demente
Scrivo il tuo nome

Su la schiuma delle nuvole
Su i sudori d’uragano
Su la pioggia spessa e smorta
Scrivo il tuo nome

Su le forme scintillanti
Le campane dei colori
Su la verità fisica
Scrivo il tuo nome

Su i sentieri risvegliati
Su le strade dispiegate
Su le piazze che dilagano
Scrivo il tuo nome

Sopra il lume che s’accende
Sopra il lume che si spegne
Su le mie case raccolte
Scrivo il tuo nome

Sopra il frutto schiuso in due
Dello specchio e della stanza
Sul mio letto guscio vuoto
Scrivo il tuo nome

Sul mio cane ghiotto e tenero
Su le sue orecchie dritte
Su la sua zampa maldestra
Scrivo il tuo nome

Sul decollo della soglia
Su gli oggetti familiari
Su la santa onda del fuoco
Scrivo il tuo nome

Su ogni carne consentita
Su la fronte dei miei amici
Su ogni mano che si tende
Scrivo il tuo nome

Sopra i vetri di stupore
Su le labbra attente
Tanto più su del silenzio
Scrivo il tuo nome

Sopra i miei rifugi infranti
Sopra i miei fari crollati
Su le mura del mio tedio
Scrivo il tuo nome

Su l’assenza che non chiede
Su la nuda solitudine
Su i gradini della morte
Scrivo il tuo nome

Sul vigore ritornato
Sul pericolo svanito
Su l’immemore speranza
Scrivo il tuo nome

E in virtù d’una Parola
Ricomincio la mia vita
Sono nato per conoscerti
Per chiamarti

Libertà.

 

Vedi anche:

La verde miccia che sospinge il fiore

106° Anniversario del Genocidio degli Armeni

Con oggi, 24 aprile 2021, sono passati 106 anni dal genocidio degli armeni, un popolo di alta cultura, caratterizzato da una straordinaria vocazione alla pace.
A sostegno della loro causa pubblichiamo perciò questo comunicato, inoltratoci dall’Associazione Asso Armeni e invitiamo i nostri lettori a condividerlo, sperando che altre voci si levino, ben più potenti della nostra.

Comunicato 106° Anniversario Genocidio degli Armeni

 

Vedi anche:

La fragile tregua nel Nagorno Karabakh

Quante famiglie nella scuola – settimo racconto

Eccoci al settimo episodio dell’Epopea dei Coniglietti.
Uccellini portano la notizia che la scuola sta per crollare per una frana che si sta pericolosamente avvicinando. Tutti i genitori accorrono coi loro piccoli: quante famiglie e quante le differenze tra loro! Scopriamole insieme leggendo questa nuova avventura!

Buona lettura a grandi e piccini!

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to dFlip 3D Flipbook Wordpress Help documentation.

Clicca qui per scaricare il Kit: Quante famiglie nella scuola – a colori

Clicca qui per scaricare il Kit: Quante famiglie nella scuola – in B/N da colorare

 

Vedi anche:

Ettina danza con le api – sesto racconto

Uccio e Ettina hanno un’amica speciale – quinto racconto

Tino non ha più la tosse – quarto racconto

Uccio Conigliuccio arriva la sorellina – terzo racconto

Etto Coniglietto insieme ce la facciamo – secondo racconto

Etto Coniglietto cresce – primo racconto

All contents copyright © tenera mente – onlus. All rights reserved. Theme design by Web-Kreation.