Ettina danza con le api – sesto racconto

Oltre a donarci i colori dei fiori e a dipingere il pianeta, oggi le api ci salvano anche dall’inquinamento alimentare col packaging in cui c’è la loro cera… Ma chi protegge le api dall’inquinamento dai pesticidi? Leggete questo nuovo episodio dell’Epopea dei Coniglietti che, già solidali coi ricci, trovano un modo per salvare uno sciame sperduto.

Buona lettura a grandi e piccini!

Please wait while flipbook is loading. For more related info, FAQs and issues please refer to dFlip 3D Flipbook Wordpress Help documentation.

Clicca qui per scaricare il Kit: Ettina danza con le api – a colori

Clicca qui per scaricare il Kit: Ettina danza con le api – in B/N da colorare

 

Vedi anche:

Uccio e Ettina hanno un’amica speciale – quinto racconto

Tino non ha più la tosse – quarto racconto

Uccio Conigliuccio arriva la sorellina – terzo racconto

Etto Coniglietto insieme ce la facciamo – secondo racconto

Etto Coniglietto cresce – primo racconto

Che gran vigilia il mondo!

di Pedro Salinas, dalla raccolta “La voce a te dovuta”

 

Che gran vigilia il mondo!

Nulla era fatto.

Né materia, né numeri,

né astri, né secoli, nulla.

Non era nero il carbone

né tenera era la rosa.

Nulla era nulla, ancora.

Com’è ingenuo credere

che fu il passato di altri

e in altro tempo, ormai

irrevocabile, sempre!

No, il passato era nostro:

e nemmeno aveva nome.

Potevamo chiamarlo

a nostro piacere: stella,

colibrì, teorema,

invece che «passato»;

togliergli il suo veleno.

Un gran vento muoveva

verso di noi miniere,

continenti, motori.

Di che, miniere? Vuote.

Erano in attesa

del nostro primo desiderio,

per essere poi subito

di rame, di papaveri.

I porti, le città

galleggiavano sul mondo,

ancora senza un posto:

aspettavano che tu

dicessi loro: «Qui»,

per lanciare le navi,

le macchine, le feste.

Macchine impazienti

perché ancora senza meta;

ché avrebbero fatto la luce

se tu l’ordinavi,

o le notti d’autunno

se le volevi tu.

I verbi, indecisi,

ti guardavano negli occhi

come cani fedeli,

tremuli. Il tuo ordine

avrebbe poi segnato

il cammino, le azioni.

Salire? Rabbrividiva

la loro energia ignorante.

Era forse andare verso l’alto

«salire»? E andare verso dove

era «discendere»?

Con messaggi ad antipodi,

ad astri, il tuo ordine

avrebbe comunicato improvvisa

coscienza del loro essere.

di volare o trascinarsi.

Il grande mondo vuoto,

inerte, innanzi a te

stava: l’impulso

lo avresti dato tu.

E accanto a te, vacante,

non nato ancora, in affanno,

con gli occhi chiusi,

il corpo già preparato

per il dolore o il bacio,

con il sangue al suo posto,

io, in attesa

– ah, se non mi avessi guardato –

che tu mi amassi

e mi dicessi: «Ora».

SanValentino2021

Educazione Cosmica a scuola

“Educazione Cosmica” è permettere al bambino, alla bambina, di percepire se stessi come connessi al mondo della natura con un numero crescente di strumenti di consapevolezza e di conoscenza. In questo processo che si espande a cerchi sempre più ampi, rientra anche la cultura che caratterizza ciascun popolo, ciascuna nazione.

Maria Montessori considera l’Educazione Cosmica la principale finalità del suo processo educativo. Il mondo e l’universo sono visti come un sistema di interdipendenze tra missioni biologiche di tutti gli esseri, interagenti tra loro e con l’ambiente in cui vivono, e tutte ugualmente finalizzate all’armonia e all’equilibrio.

“tenera mente – onlus” ha elaborato questi due progetti Montessori sull’Educazione Cosmica, da svolgersi presso le classi della Scuola dell’Infanzia e nelle classi 1^ e 2^ della Scuola Primaria, con i quali speriamo di poter entrare presto nelle aule.


Educazione Cosmica: i Contrasti Geografici

Globo_Smerigliato_MontessoriDal globo Montessori liscio/ruvido = acqua/terra le bambine e i bambini conosceranno sensorialmente il pianeta su cui vivono e in parte lo ricreeranno attraverso la realizzazione dei Contrasti Geografici.

Nell’ampio quadro dell’Educazione Cosmica percepiranno se stessi connessi al mondo della natura, dentro un sistema di interdipendenze reciproche.


Educazione Cosmica: la Botanica

Incastro_Fiore_MontessoriPartendo dai materiali sensoriali della botanica, ideati da Maria Montessori, i bambini e le bambine conosceranno la morfologia delle piante e impareranno a riconoscerle nel loro habitat.

Nel quadro dell’Educazione Cosmica i bambini si percepiranno come parte del mondo naturale, in armonia con la terra, nel rispetto della biodiversità.


Sei in Abruzzo?
Partecipa e fai partecipare la tua scuola al Programma educativo “Il Parco in Aula” 2020-21 promosso dal Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga nell’ambito della Strategia per l’Educazione alla Sostenibilità.
In collaborazione con Contratto Sociale e il BeeOdiversity Park abbiamo elaborato questi percorsi di formazione:
ELENCO DEI NOSTRI PROGETTI “PROGRAMMA EDUCATIVO: PARCO IN AULA”
Ai progetti educativi possono partecipare le scuole primarie e secondarie di primo grado, iscrizioni entro il 04/02/21.

Non vivi in Abruzzo e vorresti portare questi progetti nella tua scuola?
Allora contattaci per ricevere il programma dettagliato e verificare la possibilità di svolgere questi progetti nella tua scuola, anche in modalità DAD!
Puoi scriverci all’indirizzo info@tenera-mente-onlus.org o chiamarci al 3772766866

All contents copyright © tenera mente – onlus. All rights reserved. Theme design by Web-Kreation.