Secondo Seminario “Montessori e oltre”

Eccoci al secondo seminario di “tenera mente”, come gli altri collegato al libro “Con Montessori e oltre”.
Vi ricordiamo che sono rimasti ancora pochi giorni per usufruire del 20% di sconto previsto dalla campagna promozionale di Tab Edizioni per il primo mese di vendite. Potete cliccare qui per acquistare il libro “Con Montessori e oltre – Il pensiero, l’atto, la parola” e inserire il CODICE PROMO #Mont_tab_1 dopo aver aggiunto l’articolo nel carrello.

Questo secondo seminario, come il precedente e i successivi articolato in due parti che si integrano a vicenda, è dedicato al formarsi della parola nella mente e sulle labbra della bambina, del bambino che la ascoltano, la pensano, la dicono… Al bagaglio di memorie, di emozioni, di aspettative, di immaginazione che prelude la parola detta, pensata, scritta sul foglio…

Nel libro “Con Montessori e oltre” questi aspetti sono stati affrontati dalla Prof.ssa Marinella Canale, dalla Dott.ssa Anna Rita Guaitoli e dalla dott.ssa Enrica Baldi: dal bambino immerso nel suono fin dal suo concepimento al bambino che partorisce il primo suono dalla sua gola, la prima sillaba, la prima parola, la prima frase… Lancia le parole nell’aria e poi le mette su carta.
Questa è la prima parte del seminario, tenuta dalla dott.ssa Baldi, esperta Montessori, che utilizzerà numerosi video per tracciare questo percorso nella mente, nella voce e nello sguardo di alcuni bambini di diverse età.

Nella seconda parte la dott.ssa Guaitoli, psicologa e grafologa, ci indicherà come guardare uno scarabocchio… e poi un disegno… Cosa cercarvi per trovare in quel momento l’anima della bambina, del bambino che in quel momento l’ha tracciato…
E questo ci servirà anche per fare piazza pulita di tutti i luoghi comuni, la falsa sapienza, i test inutili e fuorvianti che si trovano su Internet e altrove.
Per delineare questo percorso Annarita Guaitoli utilizzerà il suo ricchissimo archivio e concluderà con alcuni disegni tracciati dai bambini della scuola “Amahoro” (Pace) in Ruanda, dove “tenera mente” ha condotto un progetto triennale di formazione Montessori per le maestre.

Quello che propone Anna Rita Guaitoli e con lei “tenera mente” è importante; non perché sia una interessante curiosità artistico-umanistica, ma perché è una modalità  che potrebbe essere adottata in tutte le scuole dell’infanzia (e oltre) per valutare lo sviluppo della personalità di una bambina, di un bambino, il suo grado di apprendimento, il suo entusiasmo verso la vita e la sua socialità nei rapporti con gli altri: i grandi e i suoi pari. Tutto questo è possibile.

Qui di seguito il secondo seminario, programmato per la mattina di sabato 26 giugno. Vi aspettiamo!
Per le modalità di iscrizione e pagamento si prega di chiamare il 3772766866 o scrivere a info@tenera-mente.org

secondo seminario

Aiutaci con il tuo 5×1000

Questa bambina ha sul viso la speranza:
di una vita diversa, di un domani migliore.
Nella sua scuola “tenera mente” ha portato il metodo Montessori
e la vita è cambiata per alunne, maestre e genitori.
C’è ora un nuovo rispetto; è iniziato un dialogo tra adulti e bambini,
che intravedono un futuro in cui ciascuno sarà se stesso
in una società più giusta, più dinamica,
migliore.

5x1000_TM_2021

Aiutaci con il tuo 5×1000 a portare a tutti i soggetti fragili
la “Pedagogia Riparatrice” di Maria Montessori.
Scrivi nella dichiarazione dei redditi il nostro Codice Fiscale 97559330580
da inserire nello spazio riservato alla onlus prescelta
dopo la firma nel riquadro del CUD o del 730
o del Modello Unico per le Persone Fisiche.

Don Milani, un grande Maestro

Il 27 maggio del 1923 nasceva Don Milani. Una famiglia dell’alta borghesia fiorentina, un fascino che incantava molte ragazze, una inquietudine dentro che, a venti anni, lo portò al sacerdozio.

E poi: fu maestro. O troppo amato, da farne un mito. O troppo odiato, da stigmatizzarlo con epiteti quale “mascalzone”, o con espressioni tipo “La sua utopia si è realizzata, purtroppo”.Don_Milani alla Peizza da Volpedo

Bisognerebbe leggere le sue lettere, le sue invettive, anche; bisognerebbe conoscere le testimonianze dei suoi allievi. Ci si accorgerebbe quanto, proprio oggi, la sua lezione sia viva. Perché oggi, con la scuola dominata dalla cultura dell’aziendalismo e del permissivismo, Milani ci permette di recuperare il valore di un insegnamento che vada oltre la trasmissione di notizie puntando a risvegliare curiosità e pensiero critico.

Perché oggi, tempo di inevitabili trasformazioni fatte anche di immigrazioni e paure, è necessario riconsiderare la sua lezione coraggiosa in favore della dignità di tutti: «Ogni popolo ha la sua cultura e nessun popolo ce n’ha meno di un altro».

Impegno e sorriso

Al maestro che si è fatto testimone, esempio, non modello, riconosciamo il merito di aver intuito tematiche, e teorie, che sono oggetto della riflessione didattica più attuale: prima fra tante, l’importanza di possedere la competenza linguistica per arrivare al pensiero complesso.

Senza fare dei suoi insegnamenti un ricettario da osservare scrupolosamente, si recuperi il messaggio base che invita a partire dalla realtà, perché «I ragazzi sono tutti diversi, sono diversi i momenti storici e ogni momento dello stesso ragazzo, sono diversi i Paesi, gli ambienti, le famiglie…».

si lavora

Ricordiamolo ancora con le sue parole che dovrebbero restare nei cuori e nelle menti: «…io non sono un sognatore sociale né politico: io sono un educatore di ragazzi vivi…».

Anna Rita Guaitoli

All contents copyright © tenera mente – onlus. All rights reserved. Theme design by Web-Kreation.